Dalle ore 19:30

Prof. GUIDO SARACENI

Alla Festa Rossa un buonista DOC: il prof. Guido Saraceni presenterà il suo primo romanzo “Fuoco è tutto ciò che siamo”.
Al termine spettacolo dei ControComedy con special guest Giorgio Montanini!

GUIDO SARACENI

Guido Saraceni è Professore Associato di Filosofia del Diritto presso la Facoltà di Giurisprudenza della Università degli Studi di Teramo, già Direttore di Master, attualmente è Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza attivo presso il medesimo Ateneo. Molto attivo sui social network, gestisce il blog Due Minuti di Lucidità – che ha superato le 500.000 visualizzazioni  – e la pagina pubblica Prof. Guido Saraceni – che può contare su più di 150.000 follower. A maggio di quest’anno ha pubblicato il suo primo romanzo dal titolo Fuoco è tutto ciò che siamo, il libro, edito per i tipi della casa editrice Sperling & Kupfer, è dedicato ai percorsi incrociati di un liceale di quasi diciotto anni e di un docente di storia della filosofia che ha da poco superato i quaranta. Conferenziere di fama internazionale, ha partecipato a seminari, tavole rotonde e convegni nelle principali università italiane ed europee. Il video del suo Ted talk, tenuto al TEDx di Vicenza 2018 e dedicato al tema della fake news, è stato ultimamente incluso nel canale ufficiale www.ted.com.

Alla festa rossa di San Benedetto presenterà il romanzo Fuoco è tutto ciò che siamo, parlando di comunicazione, giovani d’oggi e social network, a partire dalla sua esperienza come blogger.

Fuoco è tutto ciò che siamo
Davide Manfredi frequenta l’ultimo anno di un Liceo Scientifico romano, suona la chitarra elettrica, ama il cinema e la letteratura. A differenza della totalità dei suoi coetanei, ha scelto di non avere alcun profilo sui social network. Qualche volta la sua età gli sta stretta e lo rende insofferente nei confronti di un mondo che lo offende e lo irrita «come lana sulla pelle». Per fortuna può contare sugli amici, con cui, tra una situazione esplosiva e una partita di calcetto, prova a sopravvivere alla propria adolescenza. Soprattutto, può contare sul sorriso di Alice – la sua fidanzata – che lenisce ogni dolore, restituendogli, oltre ogni amarezza, una invincibile voglia di vivere. «Fare il professore di liceo è un gesto di puro autolesionismo», amava ripetere suo padre, ma Giulio Lisi non gli ha dato retta; così, ha trascorso metà della sua vita a insegnare, con passione e impegno. Molto attivo sui social, dove ormai sono in parecchi a seguirlo, il prof conserva verso i suoi studenti lo stesso «pudico stupore» che cerca di trasmettere loro nei confronti della vita. Oltre a fare lezione, gestisce un servizio di counseling dedicato agli studenti problematici: tre giorni a settimana riceve i ragazzi che, per svariate ragioni, hanno bisogno del suo serio, professionale e consapevole ascolto. Davide e Giulio sono volti di un dittico: insieme compongono un’immagine realistica e attuale della scuola di oggi. Le loro strade si incroceranno un lunedì di gennaio. Quel giorno, ciascuno avrà qualcosa di importante da insegnare all’altro.

Dalle ore 21:30

ControComedy

Spettacolo del collettivo CONTROCOMEDY: 6 autori e attori comici emergenti animeranno una serata a base di satira!
Padrino dell’evento uno special guest d’eccezione:
il grande GIORGIO MONTANINI!
 
I comici del 17 agosto, dalle ore 21:
Marco Filipponi
Mauro Bedini
Iacopo Pigini
Kevin Pizzi
Mauro Cardelli
Davide Giustozzi
 
Controcomedy nasce da un’idea dei comici Marco Filipponi e Mauro Bedini, conosciutisi a Bologna ma entrambi marchigiani: il primo di Porto Sant’Elpidio (FM), il secondo di Civitanova Marche (MC). La prima serata insieme l’hanno fatta ad aprile 2018 al Megacomics di Civitanova. “L’estate scorsa abbiamo pensato di organizzare un open mic, dato che non c’era nulla in zona”, racconta Marco, “Molti ragazzi delle Marche che ho conosciuto in giro erano finalmente contenti di non doversi fare necessariamente chilometri per esprimersi”.
Ma non li chiamate “stand-up comedians”. Marco è chiaro sulla questione: “In Italia ‘stand-up comedy’ è semplicemente un’etichetta. Facciamo una comicità diversa da quella a cui siamo abituati qui, di ispirazione inglese, però non ci interessa la diatriba su stand-up comedy e cabaret”. Sono aperti a tutto e gli piace la diversità.
[testo di Donatella Rosetti per Il Faro di Roma]